You are here
Home > News > Tifosi scatenati devastano La Marina a Cagliari: arrestati dalla Polizia

Tifosi scatenati devastano La Marina a Cagliari: arrestati dalla Polizia

Esplosioni di bombe carta, sirene spiegate e infine le manette nel quartiere Cagliaritano de La Marina. Sono stati 15 minuti di terrore quelli vissuti poco dopo la Mezzanotte, dai residenti del quartiere adiacente il porto. 

TERRORE. A far piombare nel terrore il rione Marina un gruppo, esagitatissimo, di tifosi che (parrebbe al termine della partita amichevole Cagliari-Pogon giocata all’Arena Stadio), si è divertito in preda ai fumi dell’alcol, a lanciare per aria tavolini e sedie, seminando il terrore tra la gente.

A tarda notte, nel mettere in subbuglio il cuore del centro storico, sono state utilizzate sedie, tavolini, lanciate bottiglie di vetro ed anche utilizzati bastoni.

 

L’arrivo elle forze dell’ordine ha creato un fuggi fuggi generale. Ma chi, tra i “tifosi”, ha cercato di scampare all’arresto arrampicandosi su una delle terrazze di Via Cavour, è stato comunque tratto in arresto.

Sull’episodio di inaudita violenza indaga la Polizia. Nelle ore precedenti ci sono stati altri scontri all’esterno della Sardegna Arena (lo Stadio provvisorio di Cagliari), poco prima della partita amichevole tra il Cagliari Calcio e il Pogon Szczecin, squadra che milita nella prima divisione polacca. In quel caso, intorno alle 20,30, un tifoso rossoblu è stato portato in ospedale per aver ricevuto un pugno mentre un gruppo di tifosi polacchi, all’esterno dello stadio, ha fronteggiato un gruppetto di supporter del Cagliari.

La Polizia è subito intervenuta e ha sedato gli animi, avviando le indagini per individuare e identificare tutte le persone coinvolte.

I DUE EPISODI di violenza, saranno in qualche modo collegati?

Nel frattempo, sui problemi di sicurezza nel quartiere de La Marina, è stata depositata nei giorni scorsi al Comune di Cagliari una Mozione che richiede la presenza, costante, delle forze di Polizia per porre fine ai problemi di violenza e vandalismo nelle piazze del Centro Storico.

Lascia un commento

Top