You are here
Home > News > Buoni spesa a Cagliari per la crisi economica CoronaVirus

Buoni spesa a Cagliari per la crisi economica CoronaVirus

“Via libera alle domande per i BUONI SPESA che, DA OGGI, 6 Aprile e fino a Mercoledì prossimo 8 Aprile, verranno recepite dal Comune di Cagliari per offrire a quanti si trovano in difficoltà economica causa emergenza Coronavirus, di accedere al sistema dei buoni spesa” lo rende noto il Consigliere comunale Marcello Polastri sulla propria fan page.

“A rendere possibile questa forma di aiuto, sono le risorse Statali con lo strumento dell’Ordinanza della Protezione Civile Nazionale numero 658 del 29 Marzo scorso, ora recepita dal Capoluogo sardo per far fronte ai bisogni delle persone e delle famiglie in condizione disagio, impossibilitate a comprare generi alimentari e beni di prima necessità”.

Questi gli obiettivi della forma di aiuto condivisa dal Comune di Cagliari per arginare l’emergenza economica causata dal diffondersi del Covid-19.

Accedere al Buono Spesa è facile. Come è presto detto: “compilando una richiesta con autocertificazione on-line, sul web-portale http://www.comune.cagliari.it” precisa Polastri.

No solo. “Chi avesse difficoltà per compilare la domanda on-line, potrà chiamare lo 0706774000, nelle giornate di Lunedì 6 Aprile dalle 15,30 alle 20, Martedì 7 dalle 9 alle 20,
Mercoledì 8 aprile dalle 9 alle 20”.

Buoni_spesa_covid
Covid buoni spesa

Ma attenzione: potrà presentare domanda un solo componente del nucleo familiare convivente, a patto che “i richiedenti risiedano nel territorio del Comune di Cagliari e la composizione del nucleo familiare corrisponda ai residenti presso l’effettivo indirizzo dichiarato”.

Nel caso di cittadini non appartenenti all’Unione Europea è necessario il possesso del permesso di soggiorno in corso di validità.

I Buoni Spesa potranno essere utilizzati esclusivamente per l’acquisto di generi alimentari e di prima necessità. Per poter ripartire, in modo equo e trasparente per tutti, le risorse disponili, l’ammontare complessivo dello stesso verrà meglio definito in base ad alcuni parametri: numero componenti del nucleo familiare, eventuale presenza di minori (i controlli degli uffici presso l’anagrafe comunale etc, sono un atto di ordinaria amministrazione).

La news sul quotidiano Sardinia Live del 6 aprile 2020. Dagli uffici comunali comunicano che il contributo verrà erogato, prioritariamente, alle persone che non hanno usufruito di altri sostegni al reddito, siano essi nazionali che comunali, reddito/pensione di cittadinanza, di inclusione (REI) e/o altre provvidenze tra le quali pensioni Inps/Inail, o trattamenti da lavoro dipendente, Naspi, Indennità di mobilità, Cassa integrazione guadagni, infine Bonus 600 euro (previsto per coloro che hanno terminato di percepire la Naspi).

Lascia un commento

Top